The Last Remnant

Xbox 360 (1 recensione)
-.-- Prodotto Scontato
Invece di Risparmi (-%)

Riceverai GRATIS insieme a questo gioco Maggiori informazioni sui Bonus
Bonus Digitali inclusi nella confezione Maggiori informazioni sui Bonus
Spedizione Gratuita
Prodotto senza spese di spedizione

Bundle: Acquistali insieme e Risparmi!


  • Prezzo Bundle:
    Invece di:


Bonus


Puoi Scegliere tra i seguenti BONUS:
    Bonus digitali

      Informazioni sul prodotto


      The Last Remnant è l'ultimo RPG firmato Square Enix. La storia tratta di un mondo colmo di misteriosi artefatti di antiche civiltà. Il potere di questi artefatti può essere usato sia per portare felicità che per causare distruzione. Fino ad ora è stato abusato di questi poteri causando cicli continui di guerra e pace. In questo mondo crescono Rush e Irina sono i figli di uno scienziato alla ricerca degli artefatti. E un giorno Irina viene rapita davanti agli occhi del fratello. A Rush non resta altro da fare che andare alla ricerca di Irina e scoprire i misteri degli artefatti.

      - Per la prima volta, release mondiale simultanea – una rarità nel mondo dei giochi di ruolo.
      - Grafiche sensazionali, rispettando pienamente gli standard Square Enix.
      - Il fulcro centrale sul quale si basa questo titolo è sicuramente il sistema di battaglie su larga scala – ambiziose ed emozionanti!

      Leggi maggiori informazioni
      Informazioni Extra

      Pegi
      Pegi 16 (16+)
      Anno
      2008
      Produttore
      Square Enix
      Sviluppatore
      Square Enix
      Lingua Manuale
      italiano
      Lingua Software
      italiano
      Video

      Recensioni


      Recensione 25/11/2009 di Marco Virelli

      Prefazione: il gioco lo ultimato una sola volta in una 70 di ore portando il party a livello 110. Impressioni: a livello di trama concordo con la recensione di Multiplayer per quanto rigaurda l'andamento che tende a essere un pò lenta per tutta la durata dell'avventura, ciò nono stante risulta lo stesso gradevole per gli appassionati, le quest secondarie hanno dei chiaro scuri tendendo alla ripetitività in certi casi, la caretterizzazione dei personaggi è buona, che stranamente risulta (a mio avviso)) più forte nei personaggi comprimari e meno in quello principale. Per la grafica rimango in linea sempre con la recensione di multiplayer, dove ho trovato scorci veramente ben fatti ad altri (i passaggi sotterranei in primis) veramente spogli e ripetitivi, peccato per le dimensioni di certe location che risultano troppo piccole se paragonate al design usato (le città) che visivamente ti danno un'ampio respiro, ma che in realtà si limitano ad una mansarda più che ad un'attico. Nota stonata è la discutibile scelta di caccia al tesoro delle mappe delle location, che devono essere scovate in forzieri per essere visualizzate, ma se negli spazzi aperti non causano problemi, per il design più ispirato, risultano frustranti nelle location sotterranee, complice una ripetitività eccessiva e la mappatura labirintica, tendendo ad essere frustranti e poco divertenti. Il party che su carta dovrebbe essere uno di punti forti di questa produzione, risulta (a mio avviso) ne carne ne pesce o ancora troppo acerbo in fase di progettazione per sfruttarne le potenzialità, in pratica si ha la possibilità (solo verso la fine dell'avventura) di controllare fino a 5 divisioni composta da un massimo di 5 elementi ciascuna divisi tra leader e soldati, ma in pratica si è obblgati, pena una disfatta prematura di ridurre al minmo indispensabile le divisioni (io ne ho create 3), concentrando gli elementi più forti che "casualmente" sono quelli che si è scelto all'inizio del gioco (sia leader che soldati), scartando i nuovo elementi per l'impossibilità di livellarli come PV e arti con i veterani del gruppo. Il sistema di crescita presenta il fianco ad un difetto strutturale che si averte verso sempre la fine del gioco, in pratica il livello è univoco per tutti e si ci trova ad avere veterani con livello(110) che di pari passo hanno accresciuto i PV e le varie arti e novizzi smpre con livello (110) che sono delle mezze cartucce, perchè non hanno potuto incrementare i loro valori a meno di sorbirsi tediose ore di combattimenti fini a se stessi e ripetitivi con gli stessi nemici che riappaiono nelle location, in soldoni per equlibrare le forze dovevo almeno arrivare a livello (180\190) per livellarli decentemente ma senza stimoli come quest o altro di appagante. Il sistema di combattimento sempre sulla carta doveva aiutare a semplificare e renderlo fruibile ad un'utenza più differenziata, automatizzando e delegando la tattica alle routine del programma, e dando delle scelte multiple al giocatore ma estratte a caso, se negli scontri normali pùò andare bene e negli scontri decisivi, dove una gestione degli attacchi\magie e cura richiederebbe una partecipazione più attiva per aumentare l'efficacia dello scontro, si riduce ad una roulett russa nella speranza che al turno sucessivo ti capiti una rosa di scelte azzeccata, rilasciando la sensazione nel caso di vittoria o di dipartita di essere stati o meno baciati dalla buona sorte più che alla bravura nelle tattiche. Poco sfruttata la parte delle evocazioni (sempre casuali), che se all'inizio fanno il loro dovere alla fine dato che non si livellano con il personaggio evocante risultano utili solo a dirottare il fuoco e gli attacchi nemici ma poco efficaci in fase offensiva (curiosità: capiterà durante l'avventura di scontrarci con uno di loro, ma in quel caso mostrano una forza mostruosa ma???? E stranamente anche l'evocazione del personaggio principale risulta meno ispirate e efficace di quelle dei comprimari.... Veramente bizzarro). Concludo la parte delle lacune con una mancanza da mè rilevata ma anche leggendo altri forum da altri utenti di un'impossibilità di controbattere o prevenire uno stato in cui si pùò cadere nei combattimenti(LA MALEDIZIONE) sembra in fatti che non ci sia rimedio alcuno come in altri stati in cui si può prevenire con gadget o contromagie guaritrici, quindi da la sensazione di una dimenticanza.... Nota positiva e non poco trascurabile e il sistema di salvataggio, finalmente a misura d'uomo comune, in preatica si può salvare in qualsiasi momento, permettendo anche a quelle persone che non possono permettersi lunghe sessioni di gioco di godersi le partite.I contenuti scaricabili sono GRATIS ma si limitano a inserire richieste speciali delle gilde e non aggiungono quest secondarie alla trama, a mio avviso più snervanti che interessanti, dato che la maggior parte sono riichieste al limite della "pazzia" o boss da trovare (si perchè non sempre si riesce) davvero assurdi e con un livello altissimo. Conclusioni: lo consiglio agli appassionati del genere e a chi voglia incominciare a esplorare il genere, grazie anche al sistema di salvataggio comodo che non impegna come ad esempio (Lost Odyssey) dove i salvataggi sono assurdi (a mio avviso). By Marco (virusm)