Divo (Il) | Multiplayer.com
True
x
Zoom immagine corrente

Divo (Il)

Roma, all'alba, quando tutti dormono, c'è un uomo che non dorme. Quell'uomo si chiama Giulio Andreotti. Non dorme perché deve lavorare, scrivere libri, fare vita mondana e, in ultima analisi, prega.. Leggi tutto

0.0 ( 0 Recensioni )
1

Questo prodotto non è più disponibile.

SKU:
N/A

Roma, all'alba, quando tutti dormono, c'è un uomo che non dorme. Quell'uomo si chiama Giulio Andreotti. Non dorme perché deve lavorare, scrivere libri, fare vita mondana e, in ultima analisi, pregare. Pacato, sornione, imperscrutabile, Andreotti è il potere in Italia da quattro decenni. Agli inizi degli anni novanta, senza arroganza e senza umiltà, immobile e sussurrante, ambiguo e rassicurante, avanza inarrestabile verso il settimo mandato come Presidente del Consiglio. Alla soglia dei settant'anni, Andreotti è un gerontocrate che, equipaggiato come Dio, non teme nessuno e non sa cosa sia il timore reverenziale. Abituato com'è a vedere questo timore dipinto sul viso di tutti i suoi interlocutori. La sua contentezza è asciutta ed impalpabile. La sua contentezza è il potere. Col quale vive in simbiosi. Un potere come piace a lui, fermo ed immutabile da sempre. Dove tutto, battaglie elettorali, stragi terroristiche, accuse infamanti, gli scivola addosso negli anni senza lasciare traccia. Lui resta insensibile ed uguale a se stesso di fronte a tutto. Fino a quando il contropotere più forte di questo paese, la Mafia, decide di dichiarargli guerra. Allora le cose cambiano. Anche, forse, per l'inossidabile, enigmatico Andreotti. Ma, questa è la domanda, cambiano le cose oppure è un'apparenza? Una cosa è certa: è difficile scalfire Andreotti, l'uomo che, più di tutti noi altri, sa come si sta al mondo.

Dettagli edizione

* Durata 110 minuti
* Colore Colori
* Sistema Pal
* Codifica Area 2 (Europa/Giappone)
* Lingue Italiano

Roma, all'alba, quando tutti dormono, c'è un uomo che non dorme. Quell'uomo si chiama Giulio Andreotti. Non dorme perché deve lavorare, scrivere libri, fare vita mondana e, in ultima analisi, pregare. Pacato, sornione, imperscrutabile, Andreotti è il potere in Italia da quattro decenni. Agli inizi degli anni novanta, senza arroganza e senza umiltà, immobile e sussurrante, ambiguo e rassicurante, avanza inarrestabile verso il settimo mandato come Presidente del Consiglio. Alla soglia dei settant'anni, Andreotti è un gerontocrate che, equipaggiato come Dio, non teme nessuno e non sa cosa sia il timore reverenziale. Abituato com'è a vedere questo timore dipinto sul viso di tutti i suoi interlocutori. La sua contentezza è asciutta ed impalpabile. La sua contentezza è il potere. Col quale vive in simbiosi. Un potere come piace a lui, fermo ed immutabile da sempre. Dove tutto, battaglie elettorali, stragi terroristiche, accuse infamanti, gli scivola addosso negli anni senza lasciare traccia. Lui resta insensibile ed uguale a se stesso di fronte a tutto. Fino a quando il contropotere più forte di questo paese, la Mafia, decide di dichiarargli guerra. Allora le cose cambiano. Anche, forse, per l'inossidabile, enigmatico Andreotti. Ma, questa è la domanda, cambiano le cose oppure è un'apparenza? Una cosa è certa: è difficile scalfire Andreotti, l'uomo che, più di tutti noi altri, sa come si sta al mondo.

Dettagli edizione

* Durata 110 minuti
* Colore Colori
* Sistema Pal
* Codifica Area 2 (Europa/Giappone)
* Lingue Italiano

Anteprima dei prodotti visualizzati di recente dall'utente.
Lo snippet sarà visibile dopo che l'utente ha visto almeno un prodotto.

Visti di recente

To install this Web App in your iPhone/iPad press and then Add to Home Screen.