Furyo

-.-- Prodotto Scontato
Invece di Risparmi (-%)

Riceverai GRATIS insieme a questo gioco Maggiori informazioni sui Bonus
Spedizione Gratuita
Prodotto senza spese di spedizione
Disponibile in: Blu-Ray

Bundle: Acquistali insieme e Risparmi!


  • Prezzo Bundle:
    Invece di:


Bonus


Puoi Scegliere tra i seguenti BONUS:
    Bonus digitali

      Informazioni sul prodotto


      Isola di Giava, anno 1942. Il film inizia con un episodio di orrore e di forte premonizione, per creare l'ambiente di un campo di concentramento giapponese per prigionieri inglesi di quegli anni e di quel luogo: un giovane coreano, guardia del campo, è costretto al kara-kiri, presenti prigionieri e sorveglianti, per aver violentato un prigioniero olandese. L'unico prigioniero a conoscenza della lingua giapponese, il maggiore inglese Lawrence, viene percosso in modo brutale per aver tentato di opporsi all'atroce rito. E' il macabro prologo che introduce lo spettatore nell'ordinaria temperie del campo: disperata e tesa. Comandante del campo è il duro capitano giapponese Yanoi, coadiuvato dal rozzo sergente Hara. Responsabile dei prigionieri il colonnello inglese Hicksley. L' arrivo dell'indomito e, irriducibilmente, renitente maggiore Jack Celliers, dell'armata britannica, catturato durante un rastrellamento, reca un supplemento di tensione nella vita già difficile e disumana del campo. Yanoi e Celliers: due personalità, due opposti sensi d'onore, due contrastanti "Weltanschaung" si scontrano e si attraggono simultaneamente, per l'orgoglioso senso di sè che li accomuna, simboleggiato dall'ambiguo tipo di attrazione che uno ha per l'altro. Le prove di forza da parte di Yanoi e quelle di provocatoria renitenza da parte di Celliers si moltiplicano a ogni occasione: una radio scovata negli alloggiamenti dei prigionieri, il tentativo di sopprimere nel sonno Celliers da parte di un giapponese morbosamente geloso di Yanoi, l'ingiunzione di un lungo digiuno fatta da Yanoi per ristabilire la disciplina nel campo, l'ostinata determinazione di Yanoi di avere dal colonnello Hicksley informazioni circa eventuali esperti d'armi presenti fra i prigionieri... Ne conseguono ordini di adunata e appelli con minacce, obbligo indiscriminato di presenziare a punizioni, esecuzioni, kara-kiri e altre atrocità. La tensione nel campo raggiunge il parossismo. L'unico a tentare di ridurla - se pure con scarso risultato - è il maggiore Lawrence. Finchè Celliers mentre Yanoi punta la pistola su Hicksley, che si rifiuta irriducibilmente di rivelare nomi di esperti, ricorre per salvarlo all'unica arma in suo potere: la morbosa attrazione che Yanoi prova segretamente per lui. Così lo bacia davanti a tutti sulle due guance, smascherando la passione latente del mitico samurai e distruggendone l'onore di fronte ai subalterni, ma firmando nel tempo stesso la propria atroce condanna a morte. Dopo di che tutto precipita nel campo. Uno spiraglio di speranza verso tempi migliori si apre solo a guerra finita e a ruoli storici invertiti, nel "Merry Christmas" che il sergente Hara rivolge dalla cella a Lawrence, prima di subire l'esecuzione capitale da parte di inglesi e alleati come "criminale di guerra", vittima a sua volta di avversari convinti di "aver ragione", come ottusamente ne era convinto egli stesso a Giava, ieri.

      Leggi maggiori informazioni
      Informazioni Extra

      Recensioni