Cameriera Bella Presenza Offresi (1951 )

-.-- Prodotto Scontato
Invece di Risparmi (-%)

Riceverai GRATIS insieme a questo gioco Maggiori informazioni sui Bonus
Spedizione Gratuita
Prodotto senza spese di spedizione

Bundle: Acquistali insieme e Risparmi!


  • Prezzo Bundle:
    Invece di:


Bonus


Puoi Scegliere tra i seguenti BONUS:
    Bonus digitali

      Informazioni sul prodotto


      Maria, che fa la cameriera, è fidanzata da quindici anni con Berto, un autista. Lui ha promesso di sposarla dopo l'attesa morte dello zio Matteo, che dovrebbe lasciargli in eredità un piccolo appezzamento di terreno. Intanto Maria, cambiando continuamente datore di lavoro, passa attraverso una serie di casi tragicomici. Cameriera in casa d'un avvocato, viene licenziata quando il padrone, avendo scoperto il tradimento della moglie, accusa Maria d'essere stata connivente. La ragazza trova servizio presso un celebre attore in perpetuo litigio con la moglie, gelosa d'una mediocre stellina del cinema di cui il marito è innamorato. Maria riesce a farli tornare d'accordo, ma quando partono per una tournée, non li segue, perché Berto le ha mentito dicendole che lo zio è finalmente morto. Scoperto l'inganno, Maria viene assunta come cameriera in casa d'un tale che è rimasto a Roma per godersi la quiete di Ferragosto. Ma una serie di casi imprevisti turba il suo agognato riposo. Infine Maria capita in casa d'un professore spiritista e durante una seduta spiritica alla quale anch'essa partecipa, apprende che lo zio Matteo è morto davvero. Berto e Maria possono quindi sposarsi, e benché il giorno del matrimonio, Maria apprenda che l'eredità dello zio è toccata ad altra persona, il matrimonio si celebra ugualmente.

      Leggi maggiori informazioni
      Informazioni Extra

      Anno
      1951
      Durata
      95 minuti
      Attori
      Elsa Merlini|Gino Cervi|Giulietta Masina|Alberto Sordi|Eduardo De Filippo|Titina De Filippo|Vittorio De Sica|Aldo Fabrizi|Isa Miranda|Carlo Ninchi
      Regia
      Giorgio Pastina
      Sceneggiatura
      Agenore Incrocci|Aldo De Benedetti|Federico Fellini

      Recensioni