Omaggio A Carlo Monni (4 Dvd)

-.-- Prodotto Scontato
Invece di Risparmi (-%)

Riceverai GRATIS insieme a questo gioco Maggiori informazioni sui Bonus
Bonus Digitali inclusi nella confezione Maggiori informazioni sui Bonus
Spedizione Gratuita
Prodotto senza spese di spedizione

Bundle: Acquistali insieme e Risparmi!


  • Prezzo Bundle:
    Invece di:


Bonus


Puoi Scegliere tra i seguenti BONUS:
    Bonus digitali

      Informazioni sul prodotto


      Una pellicola complessa che mescola buone dosi di cinismo a momenti di purissimo trash estetico ai confini del comprensibile, con figure e situazioni allo stato embrionale, capaci di maturare solo qualche anno più tardi. La trama prevede il protagonista Mario Cioni dominato dalla mamma, una bravissima Alida Valli in versione rurale, aggirarsi nella campagna toscana alla ricerca di una identità per sedare i suoi complessi. La morbosità del tema di fondo viene sempre equilibrata dalle battute, spesso condivise con il poetico amico Carlo Monni, in un percorso non estraneo alle migliori intuizioni di Ferreri o di Pasolini. C'è ancora poco del Benigni moderno ma in compenso il ritmo è elevatissimo, specie in scenette terribilmente cattive (il menàge con la zoppa o i discorsi fittizi con il manifesto del leader PCI in un campo) collocabili tra i migliori sberleffi mai visti nel cinema di casa nostra. Il dialetto toscano, strettissimo in alcuni frangenti, funge da collegamento per metafore politico - sessuali di gran tendenza all'epoca, intessute dal regista con estrema padronanza espressiva. Le risate spesso risultano provocate con timidezza, suscitate maggiormente da un concetto di sottocultura insito nel pubblico piuttosto che nell'intreccio, come dimostrano il dibattito femminista nella casa del popolo o l'incontro con le due lesbiche in discoteca. (Stefano Cocchi - Terminal Video Italia)

      Leggi maggiori informazioni

      Recensioni