LO SGUARDO DELL'ALTRO

-.-- Prodotto Scontato
Invece di Risparmi (-%)

Riceverai GRATIS insieme a questo gioco Maggiori informazioni sui Bonus
Bonus Digitali inclusi nella confezione Maggiori informazioni sui Bonus
Spedizione Gratuita
Prodotto senza spese di spedizione

Bundle: Acquistali insieme e Risparmi!


  • Prezzo Bundle:
    Invece di:


Bonus


Puoi Scegliere tra i seguenti BONUS:
    Bonus digitali

      Informazioni sul prodotto


      Una donna spagnola a 36 anni si accorge di non essere per niente appagata. Fondamentalmente sola, si confessa continuamente con la telecamera del "gufo", un'apparecchio dalle sofisticate potenzialita' multimediali, ovvero che riunisce in se' parola scritta, suono e immagine. Ella ha avuto durante l'infanzia un rapporto particolare con il padre colto un giorno in intimita' sospetta con la sorella. Da qui nascono le incessanti e rischiose attivita' sessuali della nostra che non si trattiene (quasi) di fronte a niente. Ama soprattutto gli uomini anziani, coerentemente con il suo quadro psicologico, ma un diciottenne innamorato riesce ugualmente a farle breccia. Abbiamo, insomma, con "Lo sguardo dell'altro" l'occasione per ammirare piu' in profondita' il corpo di Laura Morante, ma nient'altro. Anche se il film, in contrasto con l'erotico voyeuristico, si riduce all'esibizione forsennata, dura dell'attrice toscana che interpreta una donna disinibita, scontrosa, naturalmente confusa. Dialoghi insopportabili che pretendono di dire chissa' cosa ma suonano terribilmente ridicoli, per un registro, un tono generale che finisce per non dire molto sulla pretenziosa carne sul fuoco. E Aranda, in fin dei conti, perde la bussola e naufraga sulle superfici tanto levigate e fredde del suo film.

      Leggi maggiori informazioni
      Informazioni Extra

      Anno
      1998
      Durata
      104 minuti
      Attori
      Laura Morante|Blanca Apilánez|Alicia Bogo|Miguel Bosé|Alonso Caparrós|José Coronado|Barbara de Lema|Miguel Ángel García|Paz Gómez|Sancho Gracia
      Regia
      Vicente Aranda
      Sceneggiatura
      Álvaro del Amo|Vicente Aranda

      Recensioni