Dagobert

-.-- Prodotto Scontato
Invece di Risparmi (-%)

Riceverai GRATIS insieme a questo gioco Maggiori informazioni sui Bonus
Bonus Digitali inclusi nella confezione Maggiori informazioni sui Bonus
Spedizione Gratuita
Prodotto senza spese di spedizione

Bundle: Acquistali insieme e Risparmi!


  • Prezzo Bundle:
    Invece di:


Bonus


Puoi Scegliere tra i seguenti BONUS:
    Bonus digitali

      Informazioni sul prodotto


      Un viaggio immaginario che Dagobert, re dei Franchi, compie alla volta di Roma per farsi assolvere dal Papa dai numerosi peccati della sua vita dissoluta. Siamo nella prima metà del 600 dopo Cristo, tempo, questo, di congiure e di intrighi. A Roma il vero Papa Honorius I Ú stato rapito e Dagobert, al posto della severa figura che si attendeva e delle punizioni che temeva, incontra un sosia indulgente e ruffiano che, dopo calde accoglienze, gli propone il matrimonio con Héméré, figlia dell'Imperatore di Bisanzio, al fine di ottenere un'alleata politica. Dagobert, rozzo ed in fondo ingenuo, sta per cadere nell'imbroglio, ma l'inganno viene per tempo scoperto ed il re smaschera l'usurpatore, rimette sul soglio pontificio il vero Papa e torna in patria, sempre accompagnato dal monaco Otarius, suo fido consigliere. Ma a Roma Otarius ha assaporato il frutto del piacere e della ricchezza e ucciderà con una spilla avvelenata Dagobert per prendere il potere e regnare insieme alla bellissima Héméré che egli farà regina. La morale della favola Ú affidata ad una voce fuori campo che - mentre il re ascende al cielo tirato da robuste corde per far credere al popolo in un miracolo - commenta: "il potente vince ed il popolo, riconoscente, si inchina"

      Leggi maggiori informazioni
      Informazioni Extra

      Anno
      1984
      Durata
      112 minuti
      Attori
      Coluche|Michel Serrault|Ugo Tognazzi|Carole Bouquet|Isabella Ferrari|Michael Lonsdale|Venantino Venantini|Karin Mai|Francesco Scali|Antonio Vezza
      Regia
      Dino Risi
      Sceneggiatura
      Gérard Brach|Agenore Incrocci|Dino Risi

      Recensioni